Parole come pietre

La musica è il linguaggio della trascendenza. Il che spiega le complicità che crea tra gli esseri umani sensibili. Li immerge in un universo dove cadono le frontiere, dove l’evoluzione tragica delle società odierne si stempera. L’arte in tutte le sue espressioni può avvicinare persone allontanate da appartenenze ideologiche e politiche differenti. La musica sa riconciliare e unire coloro che, fuori per strada, sarebbero capaci di farsi a pezzi per delle chimere.
Al mondo della musica si accede veramente solo quando si oltrepassa l’umano.
La musica è un universo reale seppure inafferrabile ed evanescente. Un individuo che non si apra alla sua magia, è privo della stessa ragione di esistere.
Il supremo gli è inaccessibile.

Emil Cioran

Cerchiamo di ascoltare buona musica.
Cerchiamo di avere cura della nostra psiche, della nostra interiorità.

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito